Invertising “la pubblicità deve trasformarsi, cambiare direzione”: il primo libro con la formula soddisfatti o rimborsati

Il libro scritto da Paolo Iabichino ed edito da Guerini e Associati, è fresco di stampa. Invertising, Infatti, ha visto la luce lo scorso dicembre, approdando nelle librerie e nel web. Alla fine, dunque, di quel 2009 che secondo la definizione appellatagli dal Parlamento Europeo avrebbe dovuto essere ‘l’anno della creatività’, ma i cui intenti sembrano essersi poi annacquati nella complicità di un sistema incapace di essere tale. Nella mancata connessione tra creatività e imprese, tra pubblico e privato, tra paesi. Di qui l’orgoglio di Iabichino di non aver optato per la proposta dell’ennesimo decalogo, di una serie di soluzioni tanto preconfezionate, quanto inutili. Piuttosto un’analisi, il racconto di quanto fu ed è, per connettersi a come dovrà essere il futuro.

Perché, in un momento in cui comunicazione significa conversazione, shopping condivisione e persuasione consenso, anche la pubblicità deve trasformarsi, cambiare direzione. E come la stessa scelta di Anna Bartolini di firmare la prefazione al libro suggerisce, è la grande occasione, l’opportunità per l’advertising di tornare a essere servizio prezioso e atteso dai consumatori. Implicando una revisione dei paradigmi dello stesso processo di creazione delle campagne. Al centro non più l’estetica, ma l’etica, la fiducia, non la fedeltà, per essere rilevanti, non solo presenti. Dimenticando la ‘via’ del target. Al centro oggi va messo l’insight, la verità profonda espressa dai consumatori. Come lo stesso Iabichino approfondisce, si tratta di un bisogno, un sentimento, una dichiarazione pertinente rispetto al contesto in cui opera il brand, il prodotto, il servizio che si deve comunicare. In poche parole, è il punto di contatto con il proprio consumatore. Un’idea creativa neutrale capace di far esclamare ‘oh yeah!’. Di coinvolgere, ingaggiare. Sino a trasformare quell’esperienza in acquisto. E, comunque, in considerazione per ciò che stiamo comunicando. E proprio in nome della considerazione, che si traduce poi in reputazione, ‘Invertising’ ha deciso di ‘mettersi nelle mani’ del suo lettore garantendo a tutti la formula ‘soddisfatti o rimborsati’. Attraverso il contatto diretto con l’editore ognuno potrà così motivare la propria eventuale insoddisfazione, esercitando il diritto sopraesposto. Senza dimenticare di sottolineare come qui la bibliografia sia stata corretta in biblografia. Nell’era del dialogo, infatti, non si sarebbe potuto trascurare di annoverare tra le fonti una serie di blog e siti, che Invertising consiglia a tutti di tenere nei radar dei propri browser. Chi è Paolo Iabichino Paolo Iabichino è direttore creativo di OgilvyOne e OgilvyAction e collaboratore di Nòva24 del Sole 24 Ore. E’ passato dall’advertising tradizionale alla comunicazione relazionale, incontrando qui la giusta dimensione di uno scrivere più attento al destinatario. Chi è Anna Bartolini Anna Bartolini è docente di Diritto del consumo presso l’Università Iulm di Milano. Alla scadenza del suo terzo mandato, dopo nove anni a Bruxelles come rappresentante al Parlamento Europeo dei Consumatori Italiani, la Bartolini oggi rappresenta il Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti, in una delle tre commissioni create dalla Banca d’Italia per la conciliazione tra banche e risparmiatori.

fonte: youmark

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...